Arte da Marte

Beyond

1999 – 70x100cm.
Tempere acriliche su carta.

“Se il mondo vi attira e se sapete nello stesso tempo che tale desiderio è solo una forma di vanità, può darsi che ciò vi impedirà di entrare nell’arena. Tuttavia, giorno e notte, sarete oscuramente tormentati dal desiderio. Questo inconscio tormento non sarà che sterile ipocrisia. Gettatevi nel mondo e quando avrete conosciuto le sue gioie e le sue pene, verrà il tempo della rinuncia. Abbandonatevi perciò ai vostri desideri e presto comprenderete la loro vanità. Ma finché non avrete ceduto, finché non avrete provato voi stessi il peso delle cose, vi sarà impossibile rinunciare a voi stessi e conquistare la serenità.”

(Principessa Brinda di Kapurthala. 1956. )


Pressure

1998 – 50x70cm
Marker acrilici su carta.

“Questa sera la luna sogna più languidamente; come una bella donna che su tanti cuscini con mano distratta e leggera prima d’addormirsi carezza il contorno dei seni, e sul dorso lucido di molli valanghe morente, si abbandona a lunghi smarrimenti, girando gli occhi sulle visioni bianche che salgono nell’azzurro come fiori in boccio.
Quando, nel suo languore ozioso, ella lascia cadere su questa terra una lagrima furtiva, un pio poeta, odiatore del sonno, accoglie nel cavo della mano questa pallida lagrima dai riflessi iridati come un frammento d’opale, e la nasconde nel suo cuore agli sguardi del sole.”

(Charles Baudelaire – Tristezza della Luna)


Embrace

1998 – 50x70cm
Marker acrilici su carta.

“La felicità è amore, nient’altro. Felice è chi sa amare. Amore è ogni moto della nostra anima in cui essa sente se stessa e percepisce la propria vita. Felice è dunque chi è capace di amare molto. Ma amare e desiderare non sono la stessa cosa. L’amore è desiderio fattosi saggio; l’amore non vuole avere, vuole soltanto dare.”

(H. Hesse)


Tidbinbilla

1998 – 50x70cm
Tempere acriliche su carta.

“Si può dire, con la medesima esattezza, che tutto è divino e che niente lo é. Dipende dal punto di vista da cui si considera il problema. Negare o affermare l’esistenza di Dio sono due punti di vista egualmente veri, ma ciascuno lo è solo parzialmente: solo mettendosi contemporaneamente al di sopra dell’affermazione e della negazione ci si può avvicinare alla verità. Si può anche dire che tutto quanto succede nel mondo è il risultato della volontà divina, come pure che tale volontà dev’essere espressa e manifestata in un mondo che la contraddice e la deforma; si tratta di due atteggiamenti da cui consegue in pratica, rispettivamente, un sottomettersi in pace e con gioia a tutto quello che succede oppure invece un lottare senza tregua per far trionfare ciò che deve essere. Per vivere la verità, bisogna saper innalzarsi al di sopra di entrambi questi atteggiamenti e conciliarli tra loro.”

(Mere)


Relax

1998 – 50x70cm
Tempere acriliche su carta.

“Nella luce del silenzio tutti i problemi si dissolvono. Questa luce non nasce dall’antico movimento del pensiero. E non nasce neppure dalla conoscenza autorilevante. Non è accesa dal tempo o da un’azione della volontà. Sorge nella meditazione. La meditazione non è un affare privato, non è una ricerca personale del piacere; il piacere tende sempre a separare e dividere. Nella meditazione la linea divisoria tra te e me scompare; in essa la luce del silenzio distrugge la conoscenza del me. Il me può essere studiato all’infinito perché varia di giorno in giorno ma il suo raggio è sempre limitato, per quanto esteso sia ritenuto. Il silenzio è libertà, e la libertà viene con la finalità dell’ordine assoluto. ”

(J. Krishnamurti)


Flash

1998 – 50x70cm
Tempere acriliche su carta.

“Non per caso
L’alba di un nuovo giorno
Inizia col grido del gallo
Che fin dai tempi antichi indica
Un tradimento.”

“Nicht umsonst
Wird der Anbruch eines neuen Tages
Eingeleitet durch das Krähen des Hahns
Anzeigend seit alters
Einen Verrat.”

(Bertolt Brecht – Alba / Tagesanbruch)


Dance

1997 – 50x70cm
Marker acrilici su carta.

“Let me escape,
Be free, (wind for my tree and water for my flowers ),
Live self for self, and drown the gods in me,
Or crush their viper heads beneath my foot.
No space, no space, you say,
But you’ll not keep me in
Although your cage is strong.
My strength shall sap your own;
I’ll cut through your dark cloud
To see the sun myself, pale and decayed, an ugly growth.”

(Dylan Thomas – Let me escape)


Surf

1997 – 50x70cm
Marker acrilici su carta.

“Si el sueño fuera (como dicen) una tregua, un puro reposo de la mente, ¿por qué, si te despiertan bruscamente, sientes que te han robado una fortuna?
¿Por qué es tan triste madrugar?
La hora nos despoja de un don inconcebible, tan íntimo que sólo es traducible en un sopor que la vigilia dora de sueños, que bien pueden ser reflejos truncos de los tesoros de la sombra, de un orbe intemporal que no se nombra y que el día deforma en sus espejos.
¿Quién serás esta noche en el oscuro sueño, del otro lado de su muro?”

(Jorge Luis Borges – El sueño)


Grano in 4 parti

2005 – 30x24cm x 4 tele
Tempere acriliche, markers e bianchetto su tela.

“Distesa estate,
stagione dei densi climi
dei grandi mattini
dell’albe senza rumore
ci si risveglia come in un acquario
dei giorni identici, astrali,
stagione la meno dolente
d’oscuramenti e di crisi,
felicità degli spazi,
nessuna promessa terrena
può dare pace al mio cuore
quanto la certezza di sole
che dal tuo cielo trabocca,
stagione estrema, che cadi
prostrata in riposi enormi,
dài oro ai più vasti sogni,
stagione che poni la luce
a distendere il tempo
di là dai confini del giorno,
e sembri mettere a volte
nell’ordine che procede
qualche cadenza dell’indugio eterno.”

(Vincenzo Cardarelli – Estiva)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s